Davvero, veramente fast food: cosa mangiano i ciclisti del Tour de France

Ah, il Tour de France. Quelle tre settimane di luglio, quando uomini dall’aria bisbetica in Spandex pedalano attraverso pittoreschi villaggi di montagna, e il resto di noi ha fame solo a guardarli. Un ciclista del Tour de France può bruciare un insondabile 8.000 calorie al giorno – i loro corpi sono essenzialmente treni a vapore calorico che funzionano a pieno regime. Per mantenere i motori in funzione, stanno mangiando dal momento in cui si svegliano al momento in cui colpiscono il sacco, anche mentre sono in bicicletta.

Forse hai visto le foto dei piloti spuntare mini ciambelle, succhiare le banane dalla buccia, alloggiare interi panini, il tutto mentre pedalava a perdifiato. La maggior parte dei ciclisti cerca di mangiare 200 calorie all’ora durante la gara, di più se si tratta di una tappa difficile. Quelle calorie devono essere carboidrati a digestione rapida come frutta e cereali raffinati. Ma non si può sempre andare in bicicletta con una dozzina di ciambelle, quindi i piloti si affidano spesso a cose che possono essere sfondate nella tasca posteriore di una maglia. Barrette energetiche e gel, certo, ma questo è l’evento più elitario nello sport del ciclismo. Sicuramente c’è un’arma alimentare segreta.

C’è, ed è torte di riso.

tour-de-france-food-foil
LIONEL BONAVENTURE / AFP / Getty Images

Uno spettacolo non raro: un cavaliere si regge uno spuntino in bocca, salvandolo per dopo. Foto: LIONEL BONAVENTURE / AFP / Getty Images

Guarda attentamente e vedrai i ciclisti mangiare quello che sembra un piccolo burrito avvolto nel fioretto. “Ci affidiamo a loro”, dice Henrik Orre. Orre è lo chef del Team Sky, la prima squadra ciclistica professionista della Gran Bretagna. Non sta parlando dei cilindri acquistati dal negozio di un muro a secco fatiscente. Orre, ex capo cuoco del Mathias Dahlgren, premiato con la stella Michelin di Stoccolma, crea la sua versione densa e umida con riso cotto, crema di formaggio o burro di mandorle, cannella e una piccola agave. La miscela viene pressata in una padella e raffreddata, quindi tagliata a quadretti e avvolta in carta stagnola.

“Sono la cosa migliore da mangiare sulla bici perché non devi masticare molto”, dice Orre. “Basta ingoiarlo con un po ‘d’acqua e stai bene.”

tour-de-france-food-snack-bag
LIONEL BONAVENTURE / AFP / Getty Images

Il campione del 2014 Vincenzo Nibali raggiunge la sua musette per uno spuntino a metà gara. Casuale. Foto: LIONEL BONAVENTURE / AFP / Getty Images

Ha circa una dozzina di sapori che ruota. La mela e l’uva passa sono popolari, il burro di mandorle e la banana sono un altro dei preferiti. Fa alcuni tipi al giorno perché ogni rider ha le sue preferenze. Prenderanno una manciata all’inizio della gara, poi altri cinque o sei quando si trovano nella Feed Zone, che suona come una sezione in uno zoo, ma in realtà è uno snack high-stakes. A metà giornata, un compagno di squadra designato prende un sacchetto di cibo dalla macchina di rifornimento e lo porta a ciascuno dei corridori, che ri-immagazzina i loro sacchetti di jersey. Tutto ciò deve accadere in pochi minuti, senza che nessuno perdi velocità.

“Mirano a mangiare un pezzo ogni mezz’ora per una corsa di cinque o sei ore”, dice Orre. Ma in pratica non è sempre possibile.

“A volte puoi mangiare due in dieci minuti e poi niente per un’ora”, dice Luke Rowe, un cavaliere su Team Sky. Rowe è quello che viene chiamato un domestique, un ciclista che cavalca strategicamente per dare al capo squadra le migliori possibilità di vincere. Il venticinquenne gallese ha aiutato il compagno di squadra Chris Froome prendi il primo posto al Tour de France dell’anno scorso e tenterai di fare lo stesso quest’anno. Rowe dà almeno un po ‘del merito della sua prestazione stellare alle torte di riso al sapore di Speculaas. (Speculaas è un biscotto di pasta olandese, reso popolare negli Stati Uniti dal burro dei biscotti Speculoos del commerciante Joe.) “Speculaas è il numero uno”, dice. “Anche Oreo.”

tour-de-france-food-hamburger
LIONEL BONAVENTURE, LIONEL BONAVENTURE / AFP / Getty Images

Che cos’è, un piccolo hamburger ?! Foto: LIONEL BONAVENTURE, LIONEL BONAVENTURE / AFP / Getty Images

Team Sky non è l’unica squadra ad utilizzare il trucco della torta di riso. Sean Fowler, chef per il team Cannondale Pro con sede in Colorado, fa il suo con riso troppo cotto e un piccolo uovo aggiunto per proteine. “Ne faccio uno dolce e aspro e uno con la pancetta”, dice. “È assolutamente il miglior carburante per loro sulla bici”.

tour-de-france-food-team-sky
Per gentile concessione di Team Sky

Una selezione di deliziosi gel energetici e torte di riso fatte in casa per i ciclisti del Team Sky. Yum! Foto: per gentile concessione del Team Sky

Se un cavaliere Cannondale vuole davvero un panino, ne prende uno sul pane senza glutine. Fowler ha fatto il gruppo con una dieta “gluten-moderate” dal 2009. Serve pasta solo una o due volte alla settimana e produce i suoi cereali senza glutine. “Abbiamo visto un netto miglioramento”, afferma Fowler. “E quando vedi un miglioramento preciso, questo è molto, perché sono a un livello che molti di noi non riescono a comprendere. Per migliorare la digestione e la capacità di ingerire più calorie a questo livello è sorprendente. “

Fowler dice che stanno anche sperimentando la spremitura come un modo per ottenere più calorie senza la maggior parte.

È difficile da capire, ma mangiare fatica è un problema reale per i ciclisti che hanno bisogno di mangiare il più possibile per tre settimane consecutive. “La roba che mangiamo sulla bici diventa noiosa abbastanza veloce”, afferma Rowe. A volte è difficile ottenere un’altra torta di riso ma … non ci sono ma. Devi farlo. Devi mangiarlo. “

Per alleviare il peso del costante mangiare, gli chef del team cercano di rendere gli altri pasti il ​​più interessanti e deliziosi possibile. Le colazioni di Orre includono sempre un porridge a base di avena cucinato con banane e olio di cocco, spalmabili fatti in casa come burro di mandorle e crema di banane, omelette, frullati e nel caso desideriate alcuni carboidrati con carboidrati, riso e pasta. Fa cena a buffet con una fonte di proteine ​​come pesce o pollo e non meno di quattro opzioni ricche di carboidrati. Il dessert è un’altra opportunità per i carboidrati. “Un buon dessert è il budino di riso”, dice Orre. “Ha carboidrati nascosti”.

tour-de-france-food-biscotto
JOEL SAGET / AFP / Getty Images

È un biscotto, Alberto Contador? Foto: JOEL SAGET / AFP / Getty Images

La squadra Cannondale dello scorso anno aveva nove ciclisti provenienti da otto diversi paesi. Il team completo rappresenta piloti provenienti da Paesi Bassi, Nuova Zelanda, Italia, Danimarca, Portogallo, Australia, Irlanda, Slovenia, Colombia, Lituania, Lettonia, Norvegia, Canada, Germania e Stati Uniti. “Tutti hanno le loro dogane”, afferma Fowler. “I lituani tendono ad apprezzare carne e patate. Gli italiani possono essere davvero specifici riguardo al mangiare i loro sapori italiani. Agli americani piacciono le cose piccanti. Ogni volta che faccio qualsiasi cosa con spezie come il pollo al curry, sono a bordo per questo. “Orre dice che gli inglesi nella sua squadra amano il caldo anche nel loro cibo, mentre gli spagnoli preferiscono” i sapori tradizionali dell’Europa centrale “e il riso invece della pasta.

Soddisfare il palato globale è abbastanza difficile senza il divertimento aggiunto di farlo in una cucina di dimensioni spazio-shuttle su ruote. (Gli chef ciclisti stavano cucinando sui camion molto prima che fosse una moda passeggera.) Il rig di Team Sky sembra un autobus turistico, elegante e nero, con una cucina sul retro e una zona pranzo davanti. La cucina è piena di gadget, tra cui una scintillante macchina per caffè espresso firmata Team-Sky in acciaio. “Il caffè è universale”, dice Orre. È impossibile conservare un valore di tre settimane di cibo, quindi acquistano nei mercati locali lungo la strada.

Mentre Rowe va al Tour de France di quest’anno, che inizia il 2 luglio, sta già pensando alla bassa stagione, che dura solo un mese o due in autunno. “Tornerò a Cardiff, guarderò alcuni giochi di rugby, rilassarmi con i miei amici e godermi la vita”, dice. Berrà un paio di pinte e nessuna torta di riso incrocerà le sue labbra.

Correlati: Prosciutto Soylent e Serrano: Ciò che un vero scalatore in realtà mangia