Ottieni la perfezione Puréed: evita questi errori comuni con la zuppa mista

Mangiamo così tanto che la zuppa dovrebbe essere davvero il suo gruppo di alimenti. E, se stiamo parlando di zuppe che amiamo, dobbiamo menzionare le zuppe puré. Sono l’equivalente culinario di caldi abbracci, i pantaloni della tuta più comodi e il Amici maratona in televisione. Ma anche i nostri cibi preferiti possono trasformarci a volte: se hai mai provato una zuppa cremosa che era più grumosa e irregolare di liscia e sognante, è il momento di rispolverare la tua conoscenza di zuppa cremosa. Stai facendo uno di questi errori comuni?

1. Sotto- o cottura eccessiva delle verdure

“La maggior parte dei problemi con una zuppa cremosa deriva dal fatto di cuocere le verdure”, spiega Rick Martinez, editore associato di BA. Dovrebbero essere uniformemente morbidi, senza resistenza o “mordente”, altrimenti non resistono al frullatore. Rimarrai con una zuppa che è acquosa in porzioni e nodosa in altri.

Detto questo, è sicuramente possibile cucinare troppo le verdure; più non è migliore in questo scenario. Le verdure troppo cotte saranno carbonizzate, resistenti e gommose (leggi: non pieghevoli!) E possono persino perdere parte della loro dolcezza intrinseca. Per evitare di cuocere le verdure in eccesso o troppo, tagliarle in taglie uniformi e testare più pezzi per la cottura, sia che tu li arrostisca in un forno o sudati con grasso sul fondo della pentola prima di aggiungere liquido.

2. Essere troppo timido con il condimento

Avrai sicuramente voglia di condire le verdure con sale, pepe e le spezie che preferisci quando sudate o arrostite. “Questa è la tua occasione per concentrare e migliorare i sapori”, dice Martinez. In realtà, egli consiglia di sbagliare sul lato della stagionatura. Questo perché, una volta aggiunto il liquido, si diluiscono drasticamente i sapori delle verdure. Come regola generale, Martinez suggerisce di utilizzare il doppio della quantità di condimento per le verdure saltate in padella o in padella. Quindi, se normalmente aggiungi un cucchiaino di polvere di curry per la zucca arrosto, aggiungi due per una zuppa. Questo è particolarmente importante con il sale, perché anche se lo stock aggiunge sapore, non lo fa (o almeno non dovrebbe) aggiungere molto sale.

Zuppa di pomodoro arrosto. Foto: Alex Lau

3. Aggiunta del liquido sbagliato

Lo stock è sempre meglio dell’acqua, vero? Beh, di solito. Anche se in genere è preferibile aggiungere sempre sapore dove è possibile (l’acqua non ha sapore!), Ci sono alcune linee guida per l’utilizzo di brodo con la zuppa. Martinez sceglie il brodo per la maggior parte delle zuppe, con due eccezioni: se la zuppa è già piena di sapori audaci e audaci come la spezia vadouvan o il curry, userà l’acqua solo con un briciolo di brodo. La seconda occasione in cui accenderà il rubinetto è quando la scelta è tra acqua o brodo vegetale in scatola. “Preferirei saltare fuori dalla finestra piuttosto che usare una scatola”, dice. Anche se non ti daremo un tale ultimatum, siamo d’accordo sul fatto che il brodo di verdure fatto in casa è decisamente migliore rispetto a quello pre-confezionato.

Non sei ancora sicuro quando usare brodo o acqua? Martinez consiglia di pensare a stock come pensiamo all’estratto di vaniglia in cottura. “Nella maggior parte dei casi, non si sta preparando un dessert che sia al gusto di vaniglia, ma una piccola quantità può davvero migliorare il prodotto finito”, spiega. Se sei preoccupato per la tua cremosa zuppa di carote che assomiglia troppo a quella di pollo, aggiungi una tazza o due di brodo di pollo per dimensione e profondità di sapore.

4. Utilizzo dell’apparecchio errato

Un frullatore efficiente ed efficiente è la soluzione migliore per la zuppa più cremosa e più spumeggiante. Non hai un frullatore o semplicemente non vuoi sporcare i piatti extra? Un frullatore ad immersione farà un ottimo lavoro purando la tua zuppa. Si consiglia di saltare il robot da cucina, tuttavia. Sono ottimi per fare salse pesanti, come i pesti, ma non possono gestire molto liquido e non mescoleranno le verdure con la stessa facilità di un frullatore.

Zuppa di barbabietole con cumino. Foto: Tuukka Koski

5. Aggiunta di troppo latte (e aggiunta troppo presto)

Ciò che rende le zuppe cremose, bene, cremose, è il 90 percento di verdure correttamente cotte e puré. Non è, per quanto intuitivo possa sembrare, un mezzo gallone di crema. Sì, amiamo farcire le nostre zuppe puré con un vortice o una cucchiaiata di ricco caseificio o alt-caseificio, ma se stai bevendo qualcosa di più di una tazza di crema, stai sbagliando. Usa il controllo e lascia trasparire i sapori delle verdure. Alcune opzioni che ci piacciono: yogurt bianco, crème fraîche, panna acida, latte di cocco, burro (solo un cucchiaio o due) e latticello.

Ma attenzione: non tutti gli elementi “cremosi” possono essere riscaldati. Mentre la panna o il latte riescono a resistere a un secondo go-around nella pentola, il caseificio colturale, il latte di cocco e il latticello devono essere aggiunti alle ciotole solo quando sono pronti da mangiare. Riscaldarli li farà cagliare, trasformarli troppo acidi, troppo acidi o entrambi.

6. Saltare i condimenti

Il cibo per bambini non lo è. Avrai voglia di aggiungere un tocco materico per fungere da controfiletto alla zuppa cremosa. Semi tostati, noci tritate, scaglie di cocco, gremolata, verdure crude e tagliate a dadini (gli ornamenti di cavolfiore sarebbero fantastici, solo dicendo), e i crostini sono tutte ottime opzioni. Aggiungili alla zuppa appena prima di servire, in modo che non diventino molli. Un condimento ben scelto aggiunge molto di più del semplice crunch; gioca anche i sapori nella zuppa.

7 modi per perfezionare la zuppa