Fai un Martini come un professionista con Audrey Saunders

Questo è Cook Like a Pro, in cui gli esperti condividono consigli, trucchi e tecniche che elevano un buon piatto a uno indimenticabile.

The Pro> Audrey Saunders

Proprietario / Pegu Club / New York City

Le cose più difficili da padroneggiare sono spesso le più semplici. Prendi il martini. Metti gin e vermouth in un bicchiere e sei a posto, giusto? Non proprio. Con solo due ingredienti, tre se si contano il twist (e lo facciamo), non c’è spazio per errori. Gli ingredienti contano, gli strumenti contano, le tecniche contano. Così ho incontrato Saunders, una delle forze dietro la rivoluzione dei cocktail americani. Dopo un pomeriggio di spaccare, mescolare e torcere, sapevo cosa intendeva quando mi ha detto: “Un martini ha a che fare con la fiducia”. -Dawn Perry

Caricamento in corso

Vedi su Instagram


Come fare un Martini classico

4 once. Beefeater gin
¾oz. Noilly Prat secco
vermut
1 limone

Più superficie ghiacciata significa raffreddamento più veloce e meno diluizione, quindi creiamo i cubi invece di usarli interi.

1. Nice Ice, Baby

Tieni un grande cubetto di ghiaccio al centro del palmo. Usa la parte posteriore di un cucchiaio da bar (in realtà qualsiasi cucchiaio funzionerà) per spezzarlo in pezzi più piccoli e seghettati. Trasferire il ghiaccio su un mixing glass e ripetere finché non si ottiene abbastanza ghiaccio per riempire il vetro.

2. Un mix liscio

Aggiungi gin e vermouth (non importa quale ordine). Proprio come in cucina, dovresti assaggiare i tuoi ingredienti separatamente e provare ad accoppiarli pensierosamente (vedi la tabella sopra per gli altri abbinamenti Saunders).

La tua mano trasferisce il calore. Ecco perché i professionisti non afferrano mai il bicchiere mentre si agita; appoggiano solo un pollice sul bordo per fermarlo.

3. È tutto nel polso

Bond aveva torto. Scuotere rompe il ghiaccio, che porta a martini sovradiluppati. Qualche diluizione è buona; ammorbidisce gli spiriti in modo da poter gustare i prodotti botanici, non solo il calore dell’alcol. Mescolare rapidamente 50 volte-contare a 50, per davvero! -In un movimento circolare; l’esterno del vetro sarà molto freddo e gelido.

4. Nessuna tensione, nessun guadagno

Usando un colino Hawthorne, che si adatta comodamente sopra la parte superiore di un bicchiere da miscelazione, o un mestolo forato (in un pizzico), versare martini in un bicchiere freddo Nick e Nora. Filtrate i martini rimasti in un “sidecar” (usate un mini-caraffa sul ghiaccio, ovviamente), probabilmente il più grande componente aggiuntivo per il bere mai inventato. Fa 1


Do the Twist

Un tocco di limone è il modo classico di incorporare note di agrumi in un martini. Ecco come farlo:
1. Usa un piccolo coltello per rimuovere un pezzo di buccia da 1 “, incluso parte del midollo bianco.
2. Da una distanza di 4 o 5 pollici, spremere la buccia per bere per esprimere gli oli. Gli oli più pesanti e più amari cadranno sul bancone, mentre gli oli più leggeri e dolci colpiranno la bevanda.
3. Strofinare la parte esterna della buccia intorno al bordo del bicchiere, quindi delicatamente farlo galleggiare sopra il cocktail, con il lato giallo rivolto verso l’alto.

Ottieni la ricetta: Martini classico