Evita questi errori comuni e crea una crème brûlée impeccabile

Solo cosa è parla di crema brûlée? Persino le parole suonano in modo irraggiungibile; il tipo di piatto meglio lasciato ad un ristorante francese sciccoso (lo sapete, il tipo con tovaglie bianche e camerieri baffuto altezzosi). Non mentiremo: non è così facile da fare come drop-cookies no-bake. Ma una volta identificati i metodi più comuni per rovinarli e come evitarli, ti ritroverai in una crosta di zucchero perfettamente bruciata in pochissimo tempo. Questi sono gli errori più comuni che le persone fanno con questo dolce iconico.

BA WEDDING HI RES (9 of 11)
Alex Lau

Questi stampini sono ottimi per budini tradizionali e crème, ma non hanno una superficie sufficiente per una crosta di zucchero crème brûlée. Foto: Alex Lau

1. Utilizzo della dimensione errata Ramekin

La crème brûlée è tradizionalmente cotta in un ramekin largo e poco profondo. Se hai intenzione di farlo a casa, dovrai investire in pochi. I vasi di ceramica più profondi da 4 a 6 once usati per la maggior parte degli altri budini e vasi di crema non sono una sostituzione adeguata. Perché sono più profondi, il budino richiede più tempo per cuocere, il che significa che la tua base di crème brûlée sarà troppo cotta ai bordi e poco cotta al centro. Inoltre, e soprattutto, l’intero punto di questo dessert è la crosta espansiva caramellata di zucchero. Il ramekin largo e poco profondo consente una radio da zucchero a budino ottimale e una crosta più impressionante.

2. Utilizzo di uova intere

La porzione di budino di crème brûlée dovrebbe essere tremante e tenera, ma comunque ricca e cremosa. Ecco perché vengono usati i tuorli, piuttosto che le uova intere, spiega Rick Martinez, Editore di cibo associato di BA. I bianchi aiutano a preparare il budino, dandogli una consistenza più solida. Per questo piatto, usa solo i tuorli e salva i bianchi per un’altra ricetta, come la meringa.

caramello 2800x2000
Gentl & Hyers

L’acqua è il nemico del budino perfettamente liscio. Foto: Gentl & Hyers

3. Ottenere acqua nel budino

I budini vengono cotti in un bagno di acqua calda per mantenere la loro consistenza setosa (l’acqua conduce il calore, li cuoce più delicatamente e in modo uniforme). Ma un lotto di acqua calda è una zona pericolosa per il budino: l’acqua nel mix rovina la trama, dandogli una superficie ghiaiosa e interni fradici. Evita questo problema con un consiglio di Martinez: avvolgi il fondo e i lati dei tuoi stampini con un foglio di alluminio che si alza più in alto rispetto al ramekin. Questa “staccionata” protegge da eventuali schizzi durante il trasporto del bagno d’acqua. Inoltre, puoi aspettare fino a quando i ramekins sono in una padella nel forno prima di versare acqua bollente nella padella. Questo riduce al minimo ogni possibilità di spargimento.

4. Torching the Wrong Sugar

Questo non è il momento per il tuo zucchero a velo fantasia, crudo e biologico. “Hai davvero bisogno di usare lo zucchero semolato bianco”, dice l’editorialista senior Chris Marocco. I piccoli granuli caramellano rapidamente, il che significa che lo zucchero non si brucerà eccessivamente e il budino non si scioglierà. Inoltre, sottolinea: I cristalli bianchi forniscono uno spunto visivo mentre lo stai bruciando. Non appena lo zucchero bianco diventa marrone dorato, sai di essere vicino. I cristalli di zucchero grezzo sono già marroni, rendendo più difficile sapere se stai superando il limite.

6. Cercando di cuocere il Carmelo

Sì, hai assolutamente bisogno di una torcia per cucina per questo compito. La scelta del Marocco si trova nella maggior parte dei negozi di ferramenta e ti costerà circa $ 20. Non pensare nemmeno di provare a replicare l’effetto sotto un pollaio. Non importa quanto tu sia falco, è quasi impossibile ottenere la giusta quantità di colore senza bruciarlo. Inoltre, sottolinea, prova il contributore in cucina Lily Freedman, non otterrai mai una crosta uniforme come farai con una torcia.

Sei pronto per questo: Caramellato-Miele-Brûlée

Una volta imparato, puoi passare alle uova brûléed

Egg Brûlée: il modo migliore per mangiare la prima colazione