Four Horsemen è davvero un buon ristorante di proprietà delle celebrità

Benvenuti al primo in assoluto di Bon Appétit Problema di cultura! Per tutto il mese vi porteremo storie dall’intersezione di cibo e musica, intrattenimento, politica e altro ancora. (Psst, iscriviti qui!)

“Metti questo in faccia.”

Sono le 11 e James Murphy è scivolare gli occhiali di Borgogna giù per la barra del suo ultimo progetto, uno spot da 37 posti a Brooklyn chiamato The Four Horsemen. Il front man per l’LCD Soundsystem di recente riunificazione con gli occhiali Justin Chearno, il guru del vino dei Cavalieri e un nerd del vino di San Francisco. Dietro di loro una coppia di nottambuli spazza via il pane croccante in una scodella di pasta dal gambo insanamente saporita.

Benvenuti nella nuova enoteca.

Inaugurato lo scorso giugno, The Four Horsemen è l’ingresso di Murphy & Co. in un club di ristoranti enogastronomici come 10 William Street (Sydney), Ahiru Store (Tokyo) e Manfreds & Vin (Copenhagen). Condivide l’amore per il vino naturale, l’atmosfera sobria e le dimensioni ridotte. capocuoco Nick Curtola scopre tutto da quel pane a una bistecca bavarese Wagyu. Ma con una cantina di 300 bottiglie costruita per rendere gelosi i tuoi adorabili seguaci, la classificazione della 4H si è rivelata complicata. “Chiamalo ristorante e la gente non si renderà conto di quanto sia speciale il vino,” dice Murphy. “Chiamala enoteca e la gente non si renderà conto di quanto sia speciale il cibo.”

Alla fine, lasciano la distinzione agli ospiti. “Abbiamo creato un posto dove volevamo andare”, dice Christina Topsøe, un compagno di cavalieri (e la moglie di Murphy). “Da qualche parte puoi venire da solo per un bicchiere di vino pomeridiano o fare un pasto di compleanno scoppiettante.”

Solo una cosa: non chiamarla una piattaforma di vanità per il comproprietario nominato ai Grammy. Murphy spiega: “Ogni volta che qualcuno arriva a pensare, andiamo al wine bar LCD !, in un paio di secondi si rendono conto, Uh-oh, questo non è affatto questo.”

Non ci credi? Lascia che queste ricette del ristorante ti mostrino la strada:

arrosto-carote-con-stracciatella-e-grano saraceno
Alex Lau

Foto: Alex Lau

Carote arrostite con stracciatella e grano saraceno

La piccola spolverata di grano saraceno offre un fattore crunch tanto necessario. Se non ne hai, aggiungi delle mandorle tostate tritate o del pangrattato fatto in casa.


pasta con-rock-gamberetti-Cile-and-limone
Michael Graydon e Nikole Herriott

Foto: Alex Lau

Pasta con gamberetti, Cile e limone

Questa ricetta rende più burro di bonito di quello che ti serve. Usa la miscela affumicata e leggermente salata per completare la tua prossima bistecca o per rosolare i verdi.


barbabietole-con-pecorino-pecan-e-Shishito-peperoni
Alex Lau

Foto: Alex Lau

Barbabietole con Pecorino, Pecan e Peperoncini Shishito

Se si utilizzano tipi diversi di barbabietole, separarli durante la tostatura e il lancio per mantenere i colori sanguinanti.


fritti-patate-con-pomodoro-salsa chipotle--and-aioli
Alex Lau

Foto: Alex Lau

Patate fritte con salsa di pomodoro chipotle e aioli

La gloriosa interpretazione di quattro cavalieri su patatas bravas richiede tre volte di cuocere le patate (una volta sbollentate, due volte fritte). Non ti faremo passare attraverso tutto questo se non ne valesse la pena.


scottato-bistecca-con-Cipolline-cipolle-e-radicchio
Alex Lau

Foto: Alex Lau

Bistecca scottata con Cipolline e Radicchio

Il bavette è un pezzo ben marmorizzato della fine del controfiletto, apprezzato per il suo sapore. Il tuo macellaio potrebbe saperlo come “bistecca”; se no, vai con il controfiletto, il gancio o il fianco invece.

All’interno del nuovo wine bar minimalista (e accogliente) di James Murphy

Ottieni cultura: più di questo problema culturale in questo modo