Come navigare in un centro commerciale Food Court in Tailandia

Se, come me, tanto tempo fa scrissi i centri commerciali come luoghi di culto pieni solo di cibo generico, i tribunali del cibo di Bangkok ti costringeranno a riconsiderare. I centri commerciali del centro commerciale sono una forma d’arte in Asia, e a Bangkok raggiungono la loro massima espressione – come la Cappella Sistina con salsa di pesce. Acquirenti tailandesi che disapprovano l’idea di un tavolo di plastica sul grembo del marciapiede verso il cibo per la loro selezione di cibo fresco, aria condizionata, buona igiene, rispettabilità borghese, prezzi bassi, sapore e varietà intransigenti.

Tuttavia, per quanto possano sembrare mallevali, i tribunali del cibo possono confondere i nuovi arrivati. Armati di questi suggerimenti, tuttavia, li navigherai come un mallrat nativo di Bangkok in pochissimo tempo.

1. La passeggiata pre-prandiale. I piccoli magazzini possono avere una cucina singola che spazia tutto, dai noodles al curry, mentre i mega-malls offrono un’abbondante selezione di bancarelle – forse un paio di dozzine o più, ognuna altamente specializzata. Prima di afferrare un vassoio e immergerti, fai una passeggiata per valutare ciò che è in offerta. Ti senti come spaghetti o riso? Carne o pesce o verdure? Un drink o un dessert? Spesso gli stand hanno immagini o piatti preparati per guidarti, ma non esitare a guardare anche i vassoi di altre persone.

2. Paga! (O non farlo!) A seconda del luogo, puoi acquistare credito da un cassiere sotto forma di coupon o di una carta magnetica oppure eseguire una scheda (elettronicamente, anche su una carta) che stabilisci quando esci, un po ‘come Katz’s Delicatessen a New York, ma molto più high-tech. Se pre-acquisti il ​​credito, il saldo non utilizzato deve essere riscattato il giorno stesso, anche se alcuni posti (come il Pier 21 nel Terminal 21) ora hanno carte valide per 30 giorni. Quanto credito dovresti comprare? Dipende dall’appetito e dalla posizione. Nei centri commerciali più modesti, 30 baht (circa $ 1 a tassi di cambio correnti) ti compreranno un pasto da un piatto, ma i campi di cibo di fascia alta – sì, esistono! – possono incappare in centinaia di baht a testa.

3. Cosa aspettarsi quando stai salivando. Ci sono caratteristiche regolari in quasi ogni food court: uno stand di spaghettini, uno stand vegetariano, uno stand musulmano thailandese. In questi giorni, ci può essere anche una varietà di cucine internazionali, come coreano, vietnamita, giapponese, indiana, hamburger, pizza e altro ancora. Ma davvero, sei qui per Thai: Somtam, la classica insalata di papaya verde tagliuzzata; naam prik, una salsa di peperoncino infuocata in cui immergere verdure, pesce fritto e torte di riso; zampe di maiale profumate che bollono in calderoni di sugo; omelette con ostriche e germogli di soia; e per dessert, il ghiaccio tritato ha ricoperto di tutto, dai fagioli rossi e mais dolce ai semi di palma e radice di taro. Affamato ancora?

4. Usa i tuoi spaghetti Le zuppe di noodle tailandesi sono così popolari e così varie che hanno il loro paragrafo. Vuoi spaghetti di riso, e se sì, quanto spesso? (Sen yai, sen lek e sen mee sono fili larghi, medi e sottili). O spaghetti all’uovo, conosciuti come bamee? Scegli una carne, o polpette di carne, o polpette di pesce, poi un brodo, chiaro naam sai o tom yum speziato – o niente affatto: haeng. Quindi colpisci il tavolo dei condimenti (vedi n.7 sotto).

5. La lingua del dito indice. Se il tuo Thai non è all’altezza (e diciamocelo, se stai leggendo questo, probabilmente non lo è), basta puntare, usa i numeri degli oggetti nel menu e avvicinati alla situazione con un sorriso. (Questa è la terra dei sorrisi, dopo tutto.) Un po ‘di buona volontà farà molta strada. Ma ricorda, ci possono essere opzioni EXTRA: riso rosso, riso bianco, riso appiccicoso; un uovo fritto, un uovo sodo o un uovo lasciato cadere nella zuppa; pollo, maiale, gamberetti o, più raramente, manzo. In caso di dubbio, punto. Non è possibile gestire i peperoncini? Chiedilo mai pet koi, non molto piccante. Alcune persone specificano quanti peperoni usare in un piatto: prik neung met significa “solo un chile”.

6. Oltre il tè freddo tailandese. Le bevande sono quasi sempre servite da una cabina separata. Troverai succhi di frutta esotici come longan o roselle, noci di cocco intere, frutta mista e ghiaccio tritato, frullati, bibite, tè caldo e freddo e caffè (di solito servito con latte condensato zuccherato), bevande a base di erbe come citronella o crisantemo e acqua, entrambi ancora (plaow) o frizzante (così-dah). A Thais piacciono le loro bevande zuccherate; se non lo fai, prova a chiedere il tuo mai waan, non dolce.

7. It’s Me Time. Adoro personalizzare il loro cibo e cospargere liberamente di salsa di pesce o aceto balsamico. Le grandi ciotole di zucchero un po ‘sorprendenti alla stazione di condimenti sono per zuppa thai o addirittura noodle pad. Puoi anche vestire qualsiasi cibo con germogli di soia, scalogno, fiori di banana affettati, scaglie di cile, coriandolo, aglio fritto e, per un suggerimento di cucina centro-americana, ketchup.

8. La via della forchetta. L’argenteria risiede su una stazione separata, e mentre puoi vedere le bacchette lì, sono solo per i noodles. I thailandesi mangiano la maggior parte dei piatti con forchetta e cucchiaio, usando il primo nella mano sinistra per spingere il cibo su quest’ultimo nella destra. Se vedi una vasca di acqua fumante, è per sterilizzare i tuoi utensili prima di usarli, spesso inutili in questi giorni, ma comunque rassicuranti. I tovaglioli possono essere sul tavolo, ma non contarci. In caso di dubbio, porta il tuo!

9. Gomiti fuori. Durante i pasti, procurarsi un posto può essere uno sport competitivo. Ma sii paziente: il fatturato è veloce. I thailandesi non tendono a soffermarsi sui pasti nei campi alimentari. Dopo tutto, i centri commerciali sono pieni di borse di lusso e cellulari nuovissimi che aspettano solo di essere acquistati! Batti la fretta mangiando prima delle 12 o proprio alle 6, quando il cibo fresco viene servito per le masse affamate.

I migliori centri commerciali di tutti

Al Pier 21, al quinto piano del Terminal 21, il più delle volte, ordinerò un piatto di patate dolci, pollo fritto tritato e disossato con verdure e salsa di pesce piccante. Prendi un posto vicino alle finestre, se puoi.

Se sei vicino a Siam, non perderti la scena caotica di Siam Paragon. Tra l’assortimento di ristoranti, fast-food, un’eccellente sezione da asporto e un supermercato ben fornito, la food court offre un numero di bancarelle e specialità come fagioli verdi piccanti e pesce fritto sul riso.

All’interno del supermercato al 7 ° piano di Central World, puoi gustare piatti come gli spaghetti al tom, un piatto popolare che mescola ingredienti occidentali e tailandesi con un successo sorprendente.

Dopo aver offerto il lavoro su un autobus, Vincent Vichit-Vadakan ha lavorato per 20 anni come agente letterario a Parigi e Londra. Trascorre ora il suo tempo viaggiando e cucinando per gli amici.

RELAZIONATO
The Original Sriracha: Sriraja Panich arriva negli Stati Uniti dalla Tailandia
Il fiume meno viaggiato: un viaggio sul Mekong