Come fare il burro chiarificato (in primo luogo, prendere un po ‘di burro …)

Il burro chiarificato è una delle stelle più sottovalutate della cucina. E francamente, pensiamo che sia un crimine. Cosa c’è di così fantastico? Bene…

* L’alto punto di fumo consente di alzare il fuoco sotto una padella per ottenere una bella scottatura su carne o pesce

* Il suo sapore ricco di noci e concentrato trasforma i piatti di tutti i giorni come uova strapazzate in vere e proprie prelibatezze

* La sua mancanza di solidi del latte gli conferisce una lunga durata

Quindi come lo fai?

Prendi solo i bastoncini di burro non salato che sono già presenti nel tuo frigo – non è richiesto denaro extra – cuoci l’acqua, scolati e Ecco! Oro liquido.

Quando il burro viene riscaldato, i suoi componenti si separano per densità: l’acqua evapora, i solidi del latte affondano e il grasso del burro sale verso l’alto. Senza quei solidi del latte, il burro chiarificato ha meno probabilità di bruciare o rovinare.

Ne tengo sempre un barattolo nel mio frigo, e ti suggerisco di fare lo stesso. Trova istruzioni dettagliate (con foto) dopo il salto.

Nota: il burro è il 25% di acqua, che perderai quando lo chiari. Quindi, se inizi con 4 bastoncini (1 libbra) di burro, finirai con 3 bastoncini (3/4 libbre) di burro chiarificato. Sai, matematica.

  1. Tagliare il burro a pezzi, ciascuno circa 1 cucchiaio. Quindi scioglierli in una casseruola a fuoco medio.
  1. Portare il burro fuso a fuoco lento. Cuocere fino a quando il liquido sotto lo strato schiumoso inizia a sembrare chiaro, circa 3 minuti.
  1. Togli la padella dal fuoco e versa il liquido attraverso una garza a doppio strato in una ciotola.
  1. Smettila di sforzarti quando vedi questi pezzi nuvolosi (i solidi del latte) nella parte inferiore. Per ottenere un burro chiarificato ultra-liscio, filtrare il liquido con una garza fresca una seconda volta.

Questo è tutto! Conserva il burro chiarificato in frigorifero per un massimo di 4 mesi. E ricorda: questa roba ha un sapore superrico e concentrato, quindi un po ‘di più.

Foto di Julia Bainbridge