Il caffè torrefattore ha perfezionato l’arte di preparare una cuppa Joe ad alta quota

Benvenuto a Fuori dalla cucina, la nostra continua esplorazione delle relazioni che costruiscono e sostengono l’industria alimentare. Quest’anno, stiamo viaggiando nel paese per guardare al panorama in continua evoluzione dei mercati alimentari. I mercati iper-locali, pieni di una miriade di negozi di generi alimentari, negozi e ristoranti come quelli che si trovano in Europa, sono in aumento. Questi mercati traggono vantaggio dal loro potere di acquisto interconnesso ma operano come piccole imprese indipendenti, consentendo loro di concentrarsi su ingredienti di qualità, innovazione culinaria e servizio clienti intimo e personale. Attraverso la qualità, i tocchi personali e un prodotto eccezionale, queste nuove sale alimentari stanno rivoluzionando il commercio al dettaglio una transazione alla volta.

Per Vajra Rich di Torrefattori per caffè in scatola, si riduce sempre alle materie prime. In una vita precedente, quando era un falegname a Oakland, in California, ha creato una coperta per un amico.

“Era fatto di mogano dell’Honduras e ha salvato l’abete di Douglas vecchio stile”, dice, e il bagliore nei suoi occhi mentre immagina il bosco illumina il suo volto come Hugh Jackman prima di un numero di canzoni e balli. “All’interno, era rivestito con cedro spagnolo: ho fatto una doppia curva in cima, usando lo stesso metodo di sovrapposizione che i costruttori navali usano per creare uno scafo di legno, e facendo quella doppia curva e facendola entrare perfettamente? ottenuto esso. Avevo raggiunto la cima del mio campo come falegname. “

Clienti sit outside of Boxcar Coffee Roasters at The Source in Denver, CO.
Brad Torchia

Foto: Brad Torchia

Avanti veloce fino al 2006, e Rich era tornato a Boulder, in Colorado, con la sua cara moglie, Cara, che era diventata la sua infanzia. Rich aveva già intrapreso una nuova sfida per se stesso: fare la perfetta tazza di caffè.

“Non ho mai bevuto il caffè fino a quando non mi sono trasferito nel nord-ovest, intorno al 2000”, dice Rich. “Mi è sempre piaciuta l’idea dell’espresso, ma quando ero piccola, era per la maggior parte cattiva, ma poi nel nord-ovest, ho fatto un espresso in un caffè chiamato Espresso Vivace, e mi sono chiesto perché tutto i caffè che avevo avuto prima erano stati così diversi: dovevo scoprire perché. “

Ciò ha comportato anni di intensa sperimentazione, smontando e rimontando le macchine per caffè espresso, e facendo fermentare e ingerire abbastanza caffeina per stordire un elefante adulto. Quando la coppia e la loro giovane figlia si trasferirono in Colorado, l’hobby di Rich aveva spostato la lavorazione del legno come sua passione primaria, e cercò e vinse quello che equivaleva a un apprendistato di tre anni con uno dei maggiori esperti di caffè del paese, che viveva nelle vicinanze.

E rapidamente ha imparato che, ancora una volta, è venuto giù per le materie prime.

Linnea True, a barista at Boxcar Coffee Roasters at The Source in Denver, CO.
Brad Torchia

Foto: Brad Torchia

Scopri le differenze tra i tipi di caffè, e questa è una parte importante di ciò che ti aiuta a imparare come arrostirli, per capire come influenzano il sapore,”Dice Rich”. Dove crescono, com’è il suolo, come l’elevazione influenza le cose, la genetica attuale, i diversi ceppi e varietà, ognuno con attributi diversi.

“Hai preso il caffè originale da varietà di cimelio etiopico, alcune delle quali non hanno nemmeno nomi, sono molto alte e hanno molte caratteristiche floreali e acidità, albicocche e limoni luminosi e davvero piacevoli. Salvador, che è il vitigno Bourbon, è corposo, note di caramello, leggera acidità e tanta dolcezza.

“Se li mescolerai insieme, alcuni sono meno densi di altri, quindi devi sapere come arrostirli in modo diverso e lo stesso caffè, di anno in anno, cambia, anche dalla stessa fattoria.”

Nel 2010, Rich e sua moglie hanno acquistato l’attrezzatura per la torrefazione e hanno rilevato l’affitto da un coffeeshop di Boulder che avevano già lavorato a tempo parziale. Hanno soprannominato il loro nuovo vagone di roastery, da un termine regionale per i corridori di soapbox.

“È collegato a un tempo più semplice”, dice. “La grande corsa derby di soapbox americana, dove hanno costruito da zero le proprie auto negli anni ’30, beh, eravamo da soli, costruendo anche il nostro derby race in soapbox, in un certo senso. “

Il piano originario consisteva principalmente nel commercio all’ingrosso, con un piccolo caffè al dettaglio che fungeva quasi da sala di degustazione per mostrare ed educare i clienti sui chicchi di caffè accuratamente raccolti. Nel giro di un anno, il caffè nella location originale di Boulder era costantemente pieno. Nella primavera del 2013, hanno aperto The Source a Denver.

Il coffee roaster at Boxcar Coffee Roasters in The Source in Denver, CO.
Brad Torchia

Foto: Brad Torchia

“Abbiamo sicuramente avuto la netta sensazione che volevamo fare le cose a modo nostro, nella speranza che le persone l’avrebbero capito, e che avrebbe funzionato”, dice Rich.

C’è molto del modo Boxcar che è immediatamente ovvio: niente sciroppi, niente shaker stile Starbucks di cannella o di cacao e formati più piccoli che incoraggiano i clienti a sorseggiare, non ingoiare, il loro caffè e ad apprezzare ogni goccia di aroma di caffè in grani. Ma l’aspetto più unico è stato il modo di affrontare l’altitudine del Colorado e il suo effetto sull’acqua bollente: il suo punto di ebollizione è di ben nove gradi inferiore a quello che sarebbe al livello del mare, un mondo di differenza nella scienza sottile del caffè.

“Le macchine da caffè non funzionano così bene qui, non si ottiene lo stesso livello di sapore”, dice Rich. “Così abbiamo deciso di trasformare questo svantaggio in un vantaggio.”

E, a giudicare dalle linee per il caffè, i clienti approvano. Che si tratti di prendere un caffè ghiacciato per andare, o di salire sul bancone per una tazza calda e una calda chiacchierata con i baristi sulla vita, l’universo – e, sì, le sfumature di un grande chicco di caffè-I devoti di Boxcar non bevono tanto caffè quanto sorseggiano una conversazione caffeina con Rich e i suoi esperti di caffè su ciò che rende la vita buona.

Tenendo presente che ci sono tre fattori principali nel processo di produzione della birra – tempo, temperatura e turbolenza – Rich ha sviluppato un metodo di bollitura del caffè e lo fa utilizzando fiaschi a fondo piatto prodotti da un’azienda che produce principalmente attrezzatura da laboratorio. I flaconi si adattano all’interno di riscaldatori in vetroresina – più apparecchiature da laboratorio – che potrebbero facilmente darti l’impressione che stai ordinando una pozione da uno scienziato pazzo piuttosto che da un Cortado da un barista. Rich ha fatto gran parte del birrificio stesso.

2-btorchia-Bonappetit-source-6186
Brad Torchia

Foto: Brad Torchia

“Mettiamo l’acqua calda più calda che possiamo avere sul caffè, lasciamo riposare un po ‘, poi la mettiamo sul fuoco e la facciamo bollire”, dice. “L’ebollizione in realtà aiuta a creare più turbolenza, quindi siamo in grado di ottenere una tazza di caffè davvero dolce in una questione di tre minuti facendo uscire molti carboidrati. Lo chiamiamo il processo ‘Boilermkr’.”

E, cosa più importante, le persone possono assaggiare quelle materie prime che rendono grande una tazza di caffè. Rich ha iniziato a procurarsi un po ‘del suo caffè direttamente da un agricoltore nel El Salvador occidentale e punta a ottenere tutti i suoi fagioli direttamente da campi coltivati ​​in modo sostenibile e responsabile in tutto il mondo.

Bene, forse i chicchi di caffè sono i secondo cosa più importante di possedere una canna da caffè.

“Una buona tazza di caffè è un buon modo per iniziare la giornata”, dice Rich. “Il nostro compito è dare a ciascuna persona qualcosa per cui sorridere.”