Vuoi fare cocktail migliori? Schiaccia il tuo ghiaccio

Come un bambino SoCal con famiglia alle Hawaii, una questione di grande importanza è stata la crescita del ghiaccio polveroso dello stato di Aloha State, in effetti, migliore rispetto al classico cono di neve continentale, costituito da grandi schegge di ghiaccio tritato. Radersi o schiacciare: era questa la domanda.

Due estati fa è sorto un interrogativo simile. Durante un periodo che ora definisco “L’anno del Sherry Cobbler”, ero dotato a Borsa Lewis, un sacco di tela con cuciture a triplo punto che un tempo era un punto fermo nei bar del XIX secolo. È fatto per essere riempito con ghiaccio a cubetti, che viene poi martellato da una mazza di legno in piccoli frammenti, un atto che funge anche da sollievo dallo stress per la cena. Colpisci troppo forte, comunque, e hai il ghiaccio da barba. E questo non lo farà per i ciabattini e le swizzles.

sherry-cobbler
Alex Lau

Questo Sherry Cobbler con ghiaccio tritato è come un cono di neve adulto. Foto: Alex Lau

Certo, non sono certo il primo a ossessionare il ghiaccio tritato. Imballare la roba in un bicchiere e riempirla con tutto, dallo sherry al whisky di segale era l’equivalente della metà del 1800 di lanciare in aria cento biglietti da cento dollari. “Il ghiaccio era un gioiello”, ricorda Mark Twain La vita sul Mississippi. “Nessuno tranne i ricchi potrebbe indossarlo.” Frantumarlo, nel frattempo, era una forma di lusso irresponsabile che era perfettamente in linea con un periodo della storia americana durante il quale “ubriaco” era uno stato permanente di essere.

Mentre il ghiaccio non è più una stravaganza dei ricchi, c’è ancora qualcosa nel rituale dei cubi che scavano, ammucchiandoli in un bicchiere e guarnendo con abbandono che dice: “Quindi questo è vivere”. Posso sopravvivere senza ghiaccio tritato a casa o quando si organizza una festa? Probabilmente. Voglio? Mai più.

La migliore ricompensa per walloping una borsa di ghiaccio: questo Sherry Cobbler

Talia Baiocchi è il direttore di PUNCH rivista e autore di Sherry. Beve un sacco di drink.