Non mangiare fuori a New York Cathy Erway nel suo primo Ringraziamento

Prendere in consegna il Ringraziamento da papà non è un compito facile (Credit: Ariel Skelley / CORBIS)

Il freddo uccello pallido sedeva davanti a me sul bancone, cadente e senza vita, come un pollo di gomma. Nelle successive 48 ore, dovevo trasformarlo in un centrotavola abbronzato del Ringraziamento – e schiacciare le patate, fare il sugo e la salsa di mirtilli rossi, ed eseguire piatti e antipasti per servire otto membri della mia famiglia. Quel gruppo comprendeva mio padre, che avevo visto fare lo stesso pasto – senza soluzione di continuità, dalla cottura delle torte la sera prima per riempire il tacchino e arrostirlo per prima cosa al mattino – per quasi tutti i miei 25 anni. Ora mio padre stava passando la torcia verso di me: dovevo essere lo chef de cuisine. Almeno, quello era il piano.

Non si trattava di un padre che testava le capacità di sua figlia; stava semplicemente cedendo ai miei desideri. Quell’anno, avevo promesso di cucinare una cena del Ringraziamento unica e di possederla come sapevo – okay, pensavo – Potrei. Volevo cambiare la ricetta del ripieno; mio padre aveva sempre preparato il classico di sua nonna con cubetti di pane raffermo, cipolle, sedano, datteri e noci. Ma avevo un mio nuovo classico, un condimento speziato e speziato di cornbread. Accettammo di fare entrambe le cose e riposi lo stivale di papà all’interno dell’uccello, mentre il mio incurvato a chipotle aveva la sua casseruola. Mentre tutto andava arrostendo nel forno dalla mattina a metà pomeriggio, ho anche preparato una mousse di fegato di tacchino basata su una ricetta simile con fegatini di pollo, da servire con i cracker prima del pasto giusto. Ho brasato bok choy, il preferito di mia madre, invece di fagiolini o cavoletti di Bruxelles come contorno. Una volta tirato fuori il tacchino, arrossendo in modo convincente grazie al mio vigoroso imbastitura, ho infilato nel forno un vassoio di verdure tritate e ho alzato la fiamma per un veloce arrosto mentre l’uccello riposava. La sera prima avevo riempito il forno di quattro torte, tra cui una torta di mele con la scorza d’arancia, i mirtilli e una crosta superiore con i fori irregolari a forma di bolla ritagliati e una torta di zucca con la zucca fresca che era stata arrostita e purificato il giorno precedente.

Seguendo l’esempio di mio padre negli anni, sono riuscito a mettere tutto sul tavolo. Ma come è stato il mio pasto del Ringraziamento? Be ‘, ricorda quel ripieno di patatine al mais con chipotle? Andava tutto bene. Ma il classico di papà scomparve prima della fine del pasto. Lezione imparata.

In generale, più tempo hai trascorso in cucina su Thankgiving, meglio è. Rimarrai sorpreso da quante cose sai veramente, come cosa preparare in anticipo. Ma ecco alcuni suggerimenti specifici che mi hanno aiutato:

Avere un testimone esperto a portata di mano mentre arrostisci il tuo tacchino. La tua prima volta potrebbe essere un successo, ma è molto più privo di stress quando c’è qualcuno a cui affidarsi nei momenti di incertezza – e ciò vale per tutto, dalla miscelazione di una salamoia all’uccellino a dire quando le sue cosce sono cremate e come a lungo per lasciarlo riposare.

**Ottimizza l’uso del piano cottura, e preparare in anticipo un orario del forno. Puoi optare per brasare alcune verdure di radice o cavoletti di Bruxelles in una padella con un po ‘di stock di tacchino fatto il giorno prima, per esempio, invece di arrostirle.

**Cuocere sempre le torte la sera prima. Questa può essere una tradizione divertente per la famiglia e gli ospiti in città, magari giocando a carte o recuperando il ritardo. Il forno lavorerà gli straordinari il giorno successivo con il tacchino, così come i lati che sono meglio quando appena tirato dal forno.

Non lesinare sul purè di patate. Per me, questo amido di base lega davvero l’intero pasto del Ringraziamento insieme. Fai una tonnellata, ma attenzione: far incastrare troppe bucce di patate nello smaltimento dei rifiuti può essere un incubo; Ho intasato il mio e qualcuno ha dovuto salire sul pavimento per smontarlo!

Usa ogni parte dell’uccello. Il collo e le frattaglie possono essere fatte bollire con acqua un paio d’ore per creare uno stock saporito da aggiungere al sugo di tacchino. I fegatini possono essere leggermente saltati e passati al burro per creare un antipasto spalmabile di mousse di fegato di tacchino. Il cuore è meglio cucinato fino a quando non è ultra-tenero in quello stesso brodo, e tagliato a fette come un pezzo di salumi per servire con una cucchiaiata di salsa di mirtilli su un cracker.

**Prepara abbondanti contorni per i meno carnivori della tua gente. Un succotash ricoperto di fagioli è un lato di caduta terrificante e ricco di proteine, e per i vegetariani rigorosi, non è troppo difficile fare un ripieno separato senza carne in una casseruola.

**Lascia che le tradizioni ti conducano, ma non limitare la tua creatività. Pensa a come puoi apportare quell’unico miglioramento a una ricetta ancestrale (come il timo fresco in quel ripieno) piuttosto che revisionarlo interamente.

–Cathy Erway

Ottieni le ricette:

Mousse di fegato di pollo con gelée Riesling-Timo

Mirtillo essiccato, albicocca e ripieno di fichi

Origano fresco di ispirazione greca e marmellata di pane

Torta di mele al mirtillo rosso