Le 8 migliori catene regionali di supermercati in America

(Credito: Cortesia The Good Food Store)

Amiamo i mercati degli agricoltori. Viviamo alla scoperta di quei piccoli negozi specializzati che vendono formaggi esotici, tentazioni in barattoli e spezie impronunciabili ma intriganti. Ma per la maggior parte di noi, la maggior parte della spesa continua nei supermercati tradizionali, dove ogni corridoio ha un numero e ogni frutto ha un codice.

Terre desolate robot, prevedibili, trasformate e imballate? Non necessariamente. Mentre altri hanno valutato i supermercati in termini di profitti, efficienza, servizio clienti ed etica, siamo tutti concentrati sulla qualità e sulla selezione. Idee ispiratrici per cuochi seri, atmosfera divertente, spirito di comunità – queste sono tutte cose che abbiamo considerato in questa lista delle migliori catene d’America. Anche queste sono tutte cose che potresti pensare siano difficili da trovare – impossibile, anche. Ma non se vivi vicino a uno di questi…

Wegmans,

Dove: con sede a nord di New York, con più di 80 negozi in sei stati.
Grande numero: oltre 70.000 prodotti.
Cosa fanno meglio: un’insalata per far svergognare WholeFoods (tre diverse insalate di quinoa!). Dim sum fresco. Preparazione sushi. Tè e caffè caldi separati.
Warm fuzzies: un ricco programma di lezioni di cucina e “campi” estivi.
Pietra miliare culturale: la pubblicità che Alec Baldwin ha fatto per loro perché sua madre era una tale fan. Sì, è successo. ROUSE’S
Dove: Trentotto posizioni in Louisiana e Mississippi.

Cosa fanno meglio: Andouille, tasso e boudin salsicce sono fatti a mano in casa dai loro “ragazzi Bayou”; la carne viene affumicata e il pesce bollito ogni giorno.
Warm fuzzies: quando le persone si sono rimesse in piedi dopo l’uragano Katrina, Rouse ha riaperto 19 posizioni.
Pietra miliare culturale: Rouse sponsorizza il WorldChampionship Crawfish Eating Contest. Raley’S
Dove: Oltre 100 negozi in California e Nevada.

Cosa fanno meglio: Raley impiega il sistema di punteggio “NuVal” su ogni etichetta di scaffale per valutare gli alimenti in base al loro valore globale. Offrono l’affilatura gratuita dei coltelli e gettano freemarinade per carne e pesce freschi.
Piccolo numero: tre: l’importo in dollari che fanno pagare per le degustazioni settimanali.
Calde fuzzie: oltre a promuovere pratiche etiche ed eco-compatibili, laddove possibile, Raley gestisce a Sacramento il proprio programma non profit, Food for Families, raccogliendo fondi e raccogliendo donazioni di generi alimentari per centinaia di migliaia di famiglie bisognose. MERCATO INTERNAZIONALE DELLA JUNGLE JIM
Dove: due negozi a Cincinnati più grandi.
Cosa fanno meglio: Jungle Jim’s ha vaste offerte da tutti e sette i continenti (messicano Nopales; Farina di fufu africano) a fianco di ingredienti tipici americani.
Grandi numeri: 100 tipi di miele (meli in fiore, lavanda, grano saraceno …), 1.500 salse piccanti e oltre 1.000 utensili da cucina e posate da cucina.

Warm fuzzies: le stravaganti e capricciose presentazioni sono tutte realizzate nel proprio negozio, da materiali di recupero.
Pietra miliare culturale: beh, la gente può sposarsi lì. Questo rende la pietra miliare di qualcuno! MERCATO BI-RITE
Dove: due negozi a San Francisco,
Cosa fanno meglio: “Gli animali allevati al pascolo, nutriti con erba e trattati umanamente” vengono fatti internare in casa, mentre i frutti di mare passano le linee guida Fishwise e Monterey Bay. Il paninoteca offre banh mi e cubani.
Calde fuzzie: se ci fosse un premio Nobel per i negozi di alimentari, l’attenzione di Bi-Rite verso i dipendenti, i produttori, le pratiche ecologiche e l’amore dei clienti li renderebbe uno shoo-in.
Pietra miliare culturale: vuoi dire che non hai sentito parlare del loro spin-off Bi-Rite Creamery? È praticamente una mecca del gelato.

IL BUON CIBO
Dove: un negozio, uno stato: Montana!

Cosa fanno meglio: quello che era iniziato come un piccolo negozio di generi alimentari hippie è ora, come dice un amico di Missoula, “come Whole Foods ma WAY better”. Un sacco di prodotti locali, prodotti organici, menu deli fuori stagione, un enorme elenco di prodotti certificati non OGM e del commercio equo e guide online per i migliori usi dei loro alimenti sfusi.
Grande numero: 800+ alimenti sfusi. Spero tu non abbia fretta…
Warm fuzzies: lezioni di cucina? Certo, ma ospitano anche importanti lezioni di nutrizione.
Pietra miliare culturale: il negozio è nato come un collettivo di epoca hippie ispirato al personaggio di “Mr. Natural” di R. Crumb. MERCATO CENTRALE
Dove: Nove sedi in Texas, con sede ad Austin.

Cosa fanno meglio: quasi tutto: enorme selezione di prodotti? Dai un’occhiata. Mangime e pollame sostenibili alimentati ad erba, biologici, ruspanti? Dai un’occhiata. Panificio in casa? Dai un’occhiata. Corsi di cucina con famosi chef locali? Dai un’occhiata! Oltre a una barra salina e un carrello di guacamole fresco. Non odiare.
Grande numero: 500 formaggi. Santa Lactaid, Batman.
Calde fuzzie: non solo donano a una miriade di associazioni di beneficenza, ma invitano anche iniziative locali a presentare una “domanda di collaborazione comunitaria” per l’assistenza.
Pietra miliare culturale: l’ampiezza e la profondità della musica dal vivo e di altri eventi culturali in alcuni negozi è più ampia rispetto al centro civico medio suburbano. Deve avere un effetto a catena. MERCATI COMUNITARI DI ANDRONICO
Dove: cinque sedi nell’area della Baia di San Francisco.

Cosa fanno meglio: nomina i loro fornitori locali di carne (Pittman Farms for chicken, l’agnello di Frank’s Basque Family) e segui le linee guida sostenibili di MontereyBay Aquarium.
Warm fuzzies: Come ci si potrebbe aspettare da una popolare compagnia della Bay Area, Andronico’s è quasi dolorosamente p.E.C. Gladstone parla del cibo su nowimhungry.com e sul mondo del vino e dei liquori nel suo SipSavorSwallow.com e in altri punti vendita online. Può essere pedinato su Twitter, Instagram e Pinterest.

RELAZIONATO
5 modi per apparire carini al mercato contadino
I migliori mercati alimentari artigianali in America
10 regole del mercato degli agricoltori per giurare (secondo il Foodista BA)