Come e perché invecchiare la birra

Rumpelstiltsbrau, la birra invecchiata più ricercata al mondo, deve passare 72 anni in cantina ritenuta la più umida della Baviera prima di disboscare. (Credito: Erik S. Peterson)

Per quelli di noi amanti del marshmallow, che praticano l’arte della gratificazione ritardata, le birre invecchiate a casa sono un modo delizioso per espandere la cantina. Perché, come tanti vini, certe birre migliorano nel tempo.

Tutte le birre? No. Solo alcune birre. Secondo gli standard comuni, quell’IPA nel frigorifero non avrà un sapore migliore tra un anno. In effetti, dovresti andare a bere oggi, perché sta perdendo sapori e aromi di minuto in minuto. La maggior parte delle birre sul mercato rientrano in questa categoria. Sono i migliori freschi.

D’altra parte, le birre che invecchiano cambiano in meglio nei mesi e persino negli anni, dopo che sono state imbottigliate. Sviluppano nuove caratteristiche. A volte diventano più ricchi e più complessi, mentre gli spigoli vivi e le note luppolate svaniscono. Altre volte sviluppano più funk, nel tipo di aia a ferro di cavallo, o fioriscono con nuovi strati di frutta o acidità.

Tutto dipende dalla birra.

Matt Brynildson, mastro birraio della Firestone Walker Brewing di Paso Robles, California, raccomanda di scaldare due categorie di birre: “
birre selvatiche “, che comprende lambic, gueuzes, saisons e altre birre che usano organismi diversi dai lieviti per produrre aromi, e”
birre forti “con alto contenuto di alcol, come barleywines, robusti facchini e birrai imperiali.

Nelle birre selvatiche, gli organismi viventi cambiano la birra con l’invecchiamento della bottiglia. Brynildson cita Orval Trappist Ale come un classico esempio. La birra chiara belga riceve una dose di lievito Brettanomyces mentre va in bottiglia. “Il lievito può vivere in bottiglia per anni, consumando lentamente zuccheri e proteggendo i sapori esistenti della birra consumando ossigeno”, spiega. “Nel tempo passa dall’essere brillante e luppolata al verde, terroso e piccante”.

Per la maggior parte, l’ossigeno fa male alla birra dopo che è stata imbottigliata. Oxygen plus beer può risultare in note di uvetta, prugna secca, carta, salsa di soia e sherry, soprattutto nelle forti birre, che di solito hanno lieviti meno duraturi. Allora, chi vuole la birra ossidata? Molte persone, in realtà, specialmente quelle che bevono in cantina. Le note di uva passa e prugna possono essere meravigliose in una birra imperiale. Possono anche valere la pena rischiare sapori più sgradevoli.

Se sei pronto a provarlo, ecco i nostri consigli per l’avvio di una birreria della casa.

Trova il posto giusto

Le birre invecchiano meglio al buio. Se non hai una cantina, gli armadi possono funzionare. O garage, cantine o armadi bagno vuoti. Ma prima di buttare una valigetta di birra nell’attico buio, pensa alla temperatura. Vuoi che la tua birreria rimanga alle temperature standard della cantina, tra i 55 e i 65 gradi, anche in estate. Questo potrebbe escludere l’armadietto del bagno.

I produttori di birra avanzati armeggiano ulteriormente con la temperatura. Brynildson, ad esempio, mantiene le birre forti in un dispositivo di raffreddamento tenuto sotto i 50 gradi. “Rallenta l’ossidazione”, dice, “ma consente comunque di sviluppare interessanti caratteri di maturazione e frutti di pietra matura”.

Store Bottles Upright

La birra non è vino La maggior parte delle birre sono ricoperte da una “corona”, o tappo di bottiglia, che ha una fodera di plastica che protegge la birra dal metallo. Se conservi una birra dalla sua parte, la birra mangerà via quella fodera nel tempo, il che renderà la birra cattiva.

Birre con tappi di sughero sono un’altra storia. Alcuni collezionisti preferiscono conservare quelle birre sui loro lati, ma quella posizione consente ai sedimenti di depositarsi sul lato, che crea birre torbide al momento del versamento. Poiché pochissime birre sono tappate con tappi di sughero, non preoccuparti troppo.

Bere Birre al loro Prime

Questa, amici miei, è la parte difficile. Le birre mature sono una scienza deliziosamente inesatta e la perfezione è una cosa soggettiva. È difficile sapere quando aprire una birra stashed. Troppo presto e rischi meh sapori e aromi che avrebbero potuto trasformarsi in qualcosa di spettacolare. Troppo tardi e ti chiedi sempre cosa potrebbe essere stato.

Mina internet per informazioni. Beer Advocate ha un forum di invecchiamento / invecchiamento, in cui le persone chiedono consigli su quando aprire birre specifiche. Inoltre, parla con lo staff di un buon negozio di bottiglie. Molti ora vendono birre vintage; lo staff saprà intimamente come quelle birre cambiano nel tempo.

Inoltre, controlla le date “imbottigliato” e “migliore per” che le birrerie stanno aggiungendo ad alcune etichette. Queste date sono un buon punto di partenza.

Organizzati

Non lasciare che la sfida di creare un foglio di calcolo ti impedisca di andare in cantina, ma una volta che ti sei appassionato, è una buona idea tenere traccia di ciò che hai. CellarHQ può aiutarti a farlo online.

Prendi appunti anche tu. Se sei come me, non ti ricorderai se ti è piaciuto The Abyss di Deschutes 2009 a 12 mesi o a 2 anni.

Acquista più birra

In particolare, più bottiglie della stessa birra. In un mondo perfetto, berrai una bottiglia del nuovissimo marchio Stout di Bourbon County, ora. Poi ne bevresti un altro in sei mesi. Forse ne bevresti uno ogni maggio per i prossimi cinque anni. È un gioco da ragazzi, dice Brynildson: “La cosa bella della birra è che è un lusso molto conveniente.”

5 birre che invecchiano bene

  1. Capelli del cane Adam, 10% ABV. La prima birra prodotta da HOTD è in cima alle liste di molti collezionisti. Provalo a 5+ anni. Controlla la Guida Vintage Adam del birrificio per le date fermentate e imbottigliate.

  2. Firestone Walker Sucaba, 13% ABV. Un grande barleywine, che, se lo colpisci per circa 1 anno, può avere note di cioccolato e ciliegia. Età da 3 a 5 anni per un gusto più ricco e più ramato.

  3. Sierra Nevada Bigfoot, 9.6% ABV. Un barleywine inizialmente luppolato e intenso che si addolcisce man mano che invecchia. Provalo tra 1 e 10 anni.

  4. Russian River Temptation, 7.5% AVB. Una birra al latte di ispirazione belga invecchiata in botti di Chardonnay usate. Delizioso da 1 a 3 anni e possibilmente in grado di cambiare la vita tra 3 e 10 anni.

  5. Cantillon Geuze 100% Lambic, 5% ABV. Una classica birra selvatica del Belgio che può sviluppare nel tempo ulteriore gusto, acidità e sapori di frutta. Il birrificio suggerisce di invecchiare fino a 20 anni, se hai tempo.

5 birre da bere in questo momento

  1. Russian River Pliny the Elder, 8% ABV. Questo amato IPA imperiale è il migliore di sempre.

  2. Qualunque cosa abbia “fresh hop” nel nome. Queste birre stagionali sono fatte con luppolo fresco non stagionato al momento del raccolto e quei delicati sapori di luppolo cominciano a sbiadire immediatamente.

  3. Budweiser, 5% ABV. Comunque ti senti su questo lager, dovresti berlo fresco.

  4. Brooklyn Brewery Lager, 5,2% ABV. Questo classico della costa orientale dovrebbe essere consumato il più vicino possibile al birrificio per la massima freschezza.

  5. Vittoria Prima Pils, 5,3% ABV. Uno dei migliori pilsner in stile tedesco negli Stati Uniti richiede tutta la tua attenzione. Proprio adesso. Achtung!

Lucy Burningham è una scrittrice con base a Portland, OR che si occupa di cibo, bevande e viaggi. Il suo lavoro è apparso su The New York Times, Wall Street Journal e Saveur. Quando non accumula birra nella sua cantina, sta pedalando da un pub all’altro, il passatempo che l’ha ispirata al co-autore Hop in the Sad: una guida alla scena della birra artigianale di Portland in bici.

RELAZIONATO
Benvenuti nel mondo del Black Market Beer
10 dei Weirdest Beers in America
Will Using Nicer Beer Improve Beer-Can Chicken?