Come Andy Warhol ha mangiato (era complicato)

È facile dimenticare che l’arte di Andy Warhol era spesso incentrata sul cibo. Perfino le sue lattine di zuppa Campbell possono essere viste solo attraverso una foschia di nomi e personalità proprie: Pop Art, America, The Factory, Edie Sedgwick, New York, anni ’60, Warhol stesso. Ma un articolo nella nuova edizione di Pesca fortunata (che è stato estratto su Slate), si tuffa in profondità nella strana relazione di Warhol con il cibo.

Warhol ha chiamato una barretta di cioccolato tra due pezzi di “torta” di pane. Amava gli automati e amava l’istituzione da pranzo di una sola volta Schrafft, e aveva l’atteggiamento da povero trasformato da ragazzino-favoloso-adulto verso gli avanzi. Come si può vedere sopra, ha mangiato un hamburger Burger King (con ketchup Heinz, ovviamente) sulla fotocamera.

Puoi leggere l’intera cosa qui.

[Lucky Peach via Slate]